consenso per l’uso dei cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, CONSULTA LA COOKIE POLICY. Cliccando sul pulsante "Accetta i cookie" acconsenti all’uso dei cookie


18 Novembre 2018
 
  Sezione CAI di PALESTRINA (RM)


 

Anno di fondazione 1986

Indirizzo: in Piazza di Porta San Martino, 11
Località: Palestrina (RM)
CAP: 00036
Telefono: 338.4128883
FAX:
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Web: www.caipalestrina.it

Presidente: Galli Luciano

Orari di apertura:
    Per il programma sezionale collegati al sito web della sezione
 Info
     

Le origini

Per tracciare delle linee di storia della sezione di Palestrina del Club Alpino Italiano, occorre innanzitutto parlare del ristretto gruppo di giovani intorno ai quali incominciò a prendere corpo un’attività escursionistica ed alpinistica associativa. Quel piccolo movimento incominciò a formarsi sul finire del 1978, organizzando e dando sistematicità ad attività escursionistiche ed alpinistiche che fino allora si erano svolte in piccoli gruppi. Si trattava di allinearsi ad una mentalità associativa nazionale, liberarsi dagli atteggiamenti individualistici e far nascere praticamente dal nulla, una mentalità escursionistica ed alpinistica coltivata con attività qualificate, per rendere ciò che recita l’articolo 1 dello Statuto Nazionale del Club Alpino Italiano”…Il Club Alpino Italiano, libera associazione nazionale ha per scopo l’alpinismo in ogni sua manifestazione, la conoscenza e lo studio delle montagne, specialmente di quelle italiane e la difesa del loro ambiente naturale…”, qualcosa di dinamico e vivo in una cittadina della provincia romana.

 

Una delle prime e più importanti riflessioni che si maturò all’interno della sezione del C.A.I. di Palestrina fu pure quella di far corrispondere a questo iniziale e disorganico movimento di escursionisti-alpinisti-sciatori e ambientalisti, un’associazione locale interessata ai problemi del turismo sociale e della vita associativa evoluta, nonché quella più generale della tutela e salvaguardia dell’ambiente montano marcando la presenza nel territorio, con attività che potessero incidervi culturalmente in modo positivo. Questo processo che ancora oggi prosegue, è stato facilitato dalla posizione geografica di Palestrina  di trovarsi in prossimità del gruppo montuoso dei Monti Prenestini.

 

Per gli anni 1978-1983, quelli cioè precedenti la costituzione della sezione, culla del “Gruppo Alpinistico Prenestino” fu l’allora Sottosezione di Tivoli del C.A.I. cui i primi soci si iscrissero.

Il gruppo di giovanissimi che aveva una provenienza culturale personale e politica molto variegata, era unita da un forte desiderio e riuscì ad attivare il processo di crescita della sezione di Palestrina del C.A.I. .

 

Nel Settembre 1983 presso i locali della Galleria “Il Capitello”, si riunì per la prima volta un piccolo gruppo di persone allo scopo di organizzare un Comitato Promotore per la costituzione di una Sottosezione del C.A.I. a Palestrina. Erano presenti: Vincenzo Abbate, Piero Borzi, Marcello Casciotti, Guglielmo Fornari, Roberto Frezza, Sergio Lulli, Massimo Lulli, Pina Lulli, Guido Sentinelli.

Il gruppo di lavoro fissò per il 9 ottobre 1983 la data per la realizzazione della prima gita sociale che venne effettuata sul monte Costone Orientale nel gruppo del Velino, ove i 59 partecipanti pervenirono, salendo dai Piani di Pezza attraverso la Val Cerchiata e il rifugio Vincenzo Sebastiani.

Il battesimo ufficiale era avvenuto.

 

Tutto sembrava ormai pronto. Il 17 Dicembre 1983 a Palestrina presso i locali della Galleria “Il Capitello” si tenne la prima Assemblea Generale. Venne eletto il primo Consiglio Direttivo (Reggente: Vincenzo Abbate. Segretario: Pina Lulli. Tesoriere: Ettore Veccia. Consiglieri: Roberto Frezza, Marcello Casciotti, Guido Sentinelli, Bonaldo Libianchi, Piero Borzi) e approvato il primo Calendario delle Attività Sociali per l’anno 1984.

L’operazione di tesseramento vide l’adesione di circa 50 soci e ciò permise a Palestrina la costituzione di una Sottosezione del C.A.I. di Roma. Fondamentale fu a proposito l’interessamento del Dott. Bruno Coari verso l’Ing. Raffaello Ciancarelli, allora Presidente del Comitato di Coordinamento delle sezioni del C.A.I. del Centro Italia, che con entusiasmo facilitò la proposta.

Dopo due anni di attività, si maturarono le condizioni per passare da Sottosezione del C.A.I. di Roma a Sezione e il 1 Febbraio 1986 a seguito della delibera della Assemblea Generale dei Soci, seguita dalla delibera del Comitato di Coordinamento delle Sezioni dell’Italia Centro Meridionale del 15 Marzo 1986, ratificata a sua volta dal Consiglio Centrale del C.A.I. del 28 Aprile 1986, quella di Palestrina diventò una Sezione del Club Alpino Italiano.

 

Quello che ci separa da quelle date è un lungo cammino. Tante le iniziative intraprese, numerose le persone che vi hanno contribuito. Agli attuali soci della Sezione di Palestrina del Club Alpino Italiano, il compito di proseguire lungo il sentiero iniziato da Quintino Sella nel 1863, nel rispetto fedele dei valori fondativi.

 

…Io credetti e credo la lotta coll’Alpe utile come il lavoro, nobile come un’arte bella come una fede…    GUIDO REY

     
     

torna indietro