consenso per l’uso dei cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, CONSULTA LA COOKIE POLICY. Cliccando sul pulsante "Accetta i cookie" acconsenti all’uso dei cookie


18 Novembre 2018
 
  Sezione CAI di ANTRODOCO (RI)


 

Anno di fondazione 2007

Indirizzo: Via Savelli, 3
Località: Antrodoco (RI)
CAP: 02013
Telefono: 333.9928617
FAX: 0746.586194
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. ; e-mail presidente: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 
Web: http://www.caiantrodoco.it

Presidente: Marinelli Roberto

Orari di apertura: Venerdì dalle 17:00 alle 18:00
     Per il programma sezionale collegati al sito web della sezione
 Info
     
La sezione di Antrodoco, nasce come sottosezione di Rieti nel 1997, ed operativa come sezione dal 2008, nel proprio territorio di competenza compreso tra il gruppo del Terminillo, il sottogruppo dell'alto Aterno e ultime propaggini del gruppo del Velino;

Antrodoco è un piccolo paesino a 490m di altitudine situato in provincia di Rieti tra i monti ( dal latino appunto, Introdoco=all'interno di un luogo) Giano, Nuria e Terminillo, versante est;

Conta quasi tremila abitanti e quasi 300 soci cai, protetto dai monti gode di un microclima particolare che permette la coltivazione dell'ulivo e della vite fino ad 800/900m, una volta insieme alla castagna, (particolarmente pregiato il marrone di Antrodoco) erano le principali risorse della popolazione, oggi naturalmente queste attività sono solo a livello familiare ed ha preso il sopravvento una fiorente attività commerciale e qualche laboratorio artigiano.

Per la nostra attività escursionistica , da diversi anni ripetiamo quattro appuntamenti classici:

"Alta via del marrone": Un'escursione tra i castagneti del "marrone di Antrodoco", per la valorizzazone, tutela e sviluppo sostenibile del prodotto tipico della zona, con una escursione naturalistica tra i castagneti con il supporto di agenti del Corpo Forestale dello stato ed esperti naturalisti, con degustazione eno-gastronimica per i numerosi partecipanti provenienti da numerose sezioni vicine e lontane!!

Una escursione sulle pendici del Monte Nuria, gruppo del velino, dove si riscopre il fascino della mobilità dolce, inerpicandosi tortuosamente con il trenino sul tracciato della ferrovia Terni-Sulmona tra viadotti e gallerie si raggiunge Sella di Corno al confine tra Lazio e Abruzzo, punto di partenza dell'escursione;

L'escursione attraverso le spettacolari conche di Rascino e Cornino,Rocca di fondi, paesino arroccato su uno sperone roccioso a mille metri, sovrastante secolari castagneti da cui poi si continua per ridiscendere ad Antrodoco;

la giornata nazionale dei sentieri, già giornata ambientale, con cui la nostra sezione coinvolge i propri iscritti a riscoprire e restaurare un sentiero ogni anno in un comune del territorio di nostra competenza, con lo scopo finale di realizzare una carta dei sentieri mancante, di questo territorio;

Ed infine "Ferragosto con il CAI", un invito a tutti di trascorrere un ferragosto ... a Km. 0, o quasi, lontani da strade e traffico con un'escursione a Monte Giano, nostra montagna di riferimento, non trascurando la classica mangiata di ferragosto in un luogo raggiungibile anche da amici e familiari che non vogliono o non possono camminare;

Per il resto del programma invece, allargando il nostro raggio d'azione, si spazia facilmente con al massimo un'ora di auto, dai Sibillini al Gran Sasso, dalla Laga al gruppo del Velino-Sirente, ci vuole un pò di più per raggiungere la Majella ed il Parco Nazionale d'Abruzzo,ma ne vale assolutamente la pena.

L'attività principale naturalmente è l'escursionismo con l'attivo contributo dei nostri gruppi: Alpinismo Giovanile, Seniores e di recente costituzione e terzo gruppo del Lazio, del "Gruppo Rascino" operante nella zona del Cicolano;

Per il 2012 ed il 2013, invece, vi segnalo il Progetto: "Salaria 150, quattro regioni senza confine", approvato CAI Centrale ed atto alla valorizzazione del territorio lungo la via salaria da secoli cerniera per unire e dividere terre e popoli. In questo progetto sono coinvolte 10 tra sezioni e sottosezioni, da san Benedetto a Roma, nel 2012 con 10 Intersezionali ognuna per la valorizzazione promozione del rispettivo territorio, nel 2013 in vece con dei veri e propri trekking di più giorni studiati per l'occasione.

Infine con orgoglio e soddisfazione vi segnaliamo il giornalino "JANUS, Oltre la montagna" periodico bimestrale che dal 2006 racconta a soci e non le attività, le curiosità, la cultura e le problematiche del nostro territorio ai soci, non soci ed a tutte le persone interessate.

     
     

 

torna indietro