consenso per l’uso dei cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, CONSULTA LA COOKIE POLICY. Cliccando sul pulsante "Accetta i cookie" acconsenti all’uso dei cookie

17 Gennaio 2018
 
  Rifugio Massimo Rinaldi (Velino - m 2108 slm)
 
 
Tipologia: Rifugio
Sezione: Rieti
Area: CMI
Anno di costruzione: 1900 / 1970
Tipo di gestione: con gestore
Località: Terminillo (Terminilletto)
Settore Alpino: Appennino Centrale
Categoria: C
Illuminazione: Da rete
Apertura: Luglio - Agosto - Settembre
Gestore: Piero Ratti
Telefono: 0746.496055
Sito Web: www.cairieti.it
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Posti: Letto:12 - Tavola:22
     
 Info
 

Il rifugio Rinaldi è dedicato a Massimo Rinaldi, zio dei presidenti Rinaldi, missionario scalabriniano in Brasile e vescovo della diocesi reatina dal 1924; lo chiamavano “vescovo-scarpone” perché, essendo un appassionato di montagna come tutti i Rinaldi, compiva le sue frequenti visite pastorali nella diocesi per lo più a piedi.

 

Il rifugio Rinaldi è stato ricostruito nel 1966 sulle macerie del vecchio rifugio Re Umberto I e inaugurato nel 1969. Il rifugio Re Umberto I fu il primo rifugio alpino costruito sul Monte Terminillo per impulso della sezione di Roma del CAI.

 

Nel 1900 si realizzò  il prefabbricato in legno, rivestito poi in pietra e presentato ufficialmente all’Esposizione Internazionale di Parigi, ottenendo la medaglia d’oro. Nel 1901 la struttura venne montata sulla cima del Terminilletto.

 

Caduto in rovina durante la guerra, è stato ricostruito tra il 1966 e il 1969 nelle sue forme originarie e dedicato a Massimo Rinaldi.

     
     

 

torna indietro